domenica 17 ottobre 2010

il coraggio di cambiare, il bisogno di creativita'.

ieri sera sono uscita con una amica cara, di quelle belle. sento spesso un amore profondo per tutto il genere umano( che cosa molto santa maria goretti !!), ma per gli amici, quelli veri, sento un calore ancora piu' grande. li vedo come persone luminose, e lei e' una di queste.

e' un grande esempio per me questa ragazza, perche' nella vita ha saputo scegliere sempre la strada migliore per lei in quel momento, mettendo in conto anche uno sbaglio. si e' sposata, ha avuto una bambina, ha combattuto contro una malattia difficile, ha scelto un lavoro. e mi stupisce ogni giorno.

comunque, ieri sera siamo state a cena insieme, abbiamo mangiato pesce e bevuto vino bianco fermo, ci siamo trattate da signore. e tra un discorso e l'altro sono giunta a due riflessioni.

lei mi dice spesso. sara perche' non credi nei tuoi sogni?
gia', perche'? io ho tanti sogni, vorrei fare tante cose, provare tante esperienze.
entro in crisi, mi struggo periodicamente rincorrendo scelte e cambiamenti, eppure sono esattamente ferma qui dove non volevo stare l'anno scorso, e non ho avuto il coraggio di cambiare.
se dovessi esprimere un desiderio, in questo momento, alla lampada di aladino chiedere nientepopodimenoche il signor CORAGGIO.
desidero,bramo, sogno ma so che non riusciro' a farlo.

poi lei mi racconta della sua arte terapeuta e del fatto che sostiene che bisogna darsi del tempo per sviluppare la propria creativita'.
e quando lo dice, io sorrido, perche' mi rendo conto che e' proprio vero. io mi considero una persona creativa, non solo perche' mi piace trafficare con le mani.
quando ero piu' piccola dedicavo molto tempo a creare. collane, braccialetti, fimo, stoffe, disegni, seguivo corsi e mi interessavo. ora, tolto le cose che faccio per l'asilo, non creo quasi piu'. e spesso, spessissimo ultimamente, sento il bisogno di lasciare andare la mente e le mani, di trovare un materiale in cui possa plasmare quello che sento, in cui incanalare energia e creativita'.

e'proprio un bisogno, non so neanche io come spiegarlo a parole... e desidero, in questo momento per il mio star bene, trovare dei momenti per farlo. devo solo decidere, darmi una mossa, non essere pigra. trovare il coraggio , ancora una volta, di muovermi.



un eco-consiglio: scrub con i rimasugli di saponetta e le retine dei limoni!secondo me e' un ottima idea, a patto che si sceglano le retine piu' soffici, altimenti la pelle si sente attaccata e al posto di ammorbidirsi si indurisce ;)


http://www.4blog.info/casaorganizzata/2010/10/scrub-con-le-retine-dellaglio-ed-i-saponi-naturali/

3 commenti:

mugs for two ha detto...

E' bello quello che ti ha detto la tua amica. Darsi tempo... Io ho capito un po' tardi cosa volevo veramente fare della mia vita... sono una "lumaca" per natura... però adesso ci sto provando.
Sicuramente troverai il modo e i tempi giusti per esprimere la tua creatività.
In bocca al lupo ;-)

valentina ha detto...

Che bello il tuo blog e che belle le tue riflessioni :))arrivo qui dal blog di daniela-il coltello di banjas...sono una neomamma e sono molto d'accordo con molte cose che scrivi..tornerò a trovarti!
p.s. fai bene a voler esprimere la tua creatività...a me, "lei", mi salva tutti i giorni!!!
un abbraccio

Cicabuma ha detto...

Parli di coraggio e di creatività... parli di darsi tempo, parli di sogni...
Ho dovuto affrontare anche io, nel corso della mia vita, queste tematiche e ho capito che LA CREATIVITA' E' CORAGGIO, coraggio di cambiare, coraggio di uscire dal coro. LA CREATIVITA' E' SOGNO, creare è sognare perchè se non si sogna non si crea. Dici di essere creativa: non farti sconfiggere dalla pigrizia! sarebbe un vero peccato se la pigrizia si mangiasse il tuo tempo, la tua creatività e i tuoi sogni!!!
Un bacio
Francesca