giovedì 5 novembre 2009

l'autunno e i suoi frutti(che a me non piacciono troppo)



oggi pomeriggio la mia zia di milano, la sciura, e' andata nella nostra casina di campagna. doveva portare delle bottiglie per imbottigliare il vino o qualcosa del genere.
tornata,suona alla mia porta.
io, che sono una giovane ragazza d'oggi, con tanta energia e volgia di fare stavo cucendo?scrivendo?leggendo?... dormendo, slato su di scatto.

chi cacchio e che distruba il mio sonnelino pomeridiano....
era lei. scendiiii, ho preso i cachi.
bleah. io odio i cachi. sono viscidi e troppo dolci, hanno i semini e mangiarli e' un supplizio.

scendo, e la zia mi consegna questa


questa bellissima cesta di cachi, nonallietera' mai il mio stomaco, ma haallietatilmio umore.questa bellissima cesta di cachi viene dal mio frutteto, il miopiccolo, un po' incolto e molto biologico frutteto.questa csta ha scaldato il mio cuore in questo freddo autunno, perche' mi ha fatto rifelttere su che grande risorsa ha tra le mani la mia famiglia, possedendo questo piccolo pezzo di terra che e' un frutteto ma d'estate anche un orto.

innanzitutto e' un baluardo di decrescita mica da ridere e non solo economicamente. certo, la frutta che produce ci fa risparmiare parecchio. non ho idea di quanto costino i cachi al chilo, ma qui ne ho 5 chili e mia zia ne ha altrettanti. diciamo che il frutteto funziona ad anni, e l'anno scorso era l'anno delle mele. dalla foto si puo' capire che per tutto lo scorso inverno non abbiamo comprato il frutto di eva :) e non sono tutte, perche' abbiamo fatto anche 17 vasetti di marmellata di mele e cannella, con quelle ammaccate. poi c'e' l'anno dele ciliege che fa mangiare noi e parecchi amici,l'anno delle albicocche,e i 4 noci che invece producono sempre frutti, ottimi per il nocino.

ma pensare a quanta pazienza ci vuole per raccolgiere la frutta, quanto tempo per curare l'erba e potare le piante, quanto lavoro manuale per raccolgiere la camomilla su bordi incolti. e' decrescita spiriturale, e' combattere il tempo frenetico e tecnologico della modernita'.

poi e' un forte momento di confronto con la natura, con madre terra che ci fa sentire come vuole essere trattata. e come le sue leggi siano piu' forti delle nostre, tanto che quest'anno il freddo gelico che ha fatto a marzo ha bruciato tutti i germogli dei ciliegi che non hanno prodotto nulla.

e' un modo per donare agli amici qualcosa di "tuo" e vivere momenti di raccolta comunitaria, un luogo dove osservare fiori bellissimi, ospitalita' per animali come la famiglai di picchi che abita sul pesco, posto in cui esercitare una manualita' diversa, immagine che mi ircorda di mio nonno e dei miei zii.

insomma, questo autunno che mi porta ahime' solo cachi quest'anno, in realta' come tutti gli anni mi conquista.quest'anno dovendo andare a lavorare in aperta campagna, passo vicino a olte case e moltissimi giardini. ed ogni giardino mi emoziona con colri vivissimi,gialli intensi, rossi, bordeaux, arancioni.e arrivo poi al vialed'ingresso del nido, splendidamente tinto di giallo che sembra di immergersi in una lata di colore. era qualche anno che non mi soffermavo a riflettere su come in un bater d'occhio il verde si trasformi in rosso e in un altro battito d'ali tutto caschi.

sembra triste,eppure l'autunno mi mette alegria e volgia di fare. e infatti sto cominciando nuovi percorsi, di cui forse parlero' al momento opportuno.

intanto devo ringrazier daniela del coltello di banjas per avermi inseirito tra i blog da seguire. grazie grazie, e' stato davvero bello per me :) non me lo aspettavo!!

appena riesco, magari piu' tardi aggiorno il post con i blog che secondo me sono da seguire.

1 commento:

equazioni ha detto...

i cachi....bleah!!!
non mi sono mai piaciuti. però appena me ne capitano sotto mano voglio farli assaggiare ad ale, nella speranza che gli piacciano. e io ovviamente nell'offrirglieli ne decanterò la bontà!ahahah...
e a proposito di cibi, buone abitudini e bambini, oggi ho messo sul blog un post e mi sei venuta in mente tu
creativa come sei magari hai già trovato soluzioni come questa
http://www.equazioni.org/index.php/2009/11/13/latte-fa-bene-anche-per-gioco/
fammi sapere cosa ne pensi!
a presto
francesca

p.s.
faccio sempre fatica a lasciarti commenti, me li rifiuta!!
anche ora sto provando ad entrare con il vecchio account di wordpress che non usiamo più...