martedì 25 gennaio 2011

mani che ricamano..

piedi che camminano.

il week end e stato intenso ma lo posso riassumere cosi'. daniela dal suo blog ci chiede come abbiamo passato il fine settimana, ed io raccolgo l'invito.
sabato ho dormito, avevo bisogno di ricaricare le pile. al pomeriggio avevo attivita' con i bambini degli scout la giungla chiamava! e' stata una bellissima attivita', c'era il sole e questo ci ha permesso di giocare tanto fuori, e ci siamo mossi cosi' tanto che il gelido freddo secco di gennaio non ci ha vinto: abbiamo giocato senza le giacche!

la domenica il sole mi ha svegliato alle 9. mi piace dormire con le persiane aperte completamente, cosi' il sole sorgendo mi puo' scaldare e svegliare.

avevo voglia di creativita', come spesso mi succede. sabato avevo comprato da una amica una federa di cotone verde e quadrata per 4 euro. cosi' ho pensato di ricamarci sopra un albero che avevo visto tempo fa in un blog, ma non ricordo dove. mi spiace perche' l'ho proprio spudoratamente copiato, e vorrei citarne la fonte. se qualcuno lo sa...lo dica!
purtroppo non ho la macchina fotografica qui con me, l'ho lasciata a lavorare. mi sono accontentata di una foto fatta dalla webcam: i colori sono un po sfalsati e la modella beh non e' certo una professionista ;), ma vorrei farvelo vedere, perche' ne vado davvero fiera!




ma certo una giornata cosi' bella non poteva essere trascorsa tutta in casa.
nel pomeriggio ho fatto un giro sugli argini, con marta e brando.
alessandria e' una citta' costruita tra due fiumi e quindi possiede chilometri di percorsi sugli argini che seguono non solo il corso dei fiumi ma anche i "bordi" delle casse di espansione che ormai sono in disuso. le passegiate che si possono fare sono proprio belle, a contatto con la natura e fuori dal caos della citta';anche se vicinissimi gli argini sono nascosti dal tessuto urbano e diventano cosi' un'oasi di tranquillita'. da qualche anno infatti sono molto gettonati, ma la maggior parte delle persone si limita a correre e camminare sul percorso piu' semplice e lineare senza andare oltre.

a me piace andare a camminare li', invece, cercando ogni volta nuove strade, piccoli sentieri o scorciatoie che ogni volta mi portano in un posto diverso. io marta e brando questa volta abbiamo raggiunto un vecchio cascinale che dalla strada sembrava bellissimo(che delusione invece) e abbiamo scoperto, proprio dietro al fienile una strada che ci ha portate dritte al fiume. il fiume al tramonto era tranquillo, di un verde intenso e ci siamo sorprese nel vedere alberi pieni di cormorani nerissimi a poca distanza da noi.
siamo tornate che era gia' buio, infreddolite ma contente: passeggiare e chiaccherare, scoprendo nuove strade e spettegolando un po', condividendo il silenzio della campagna fa bene al copro e al cuore :)

a proposito del cercare nuove strade , mi e' venuta in mente questa frase che mi ha regalato la formatrice di un corso molto interessante che sto facendo per la scuola:

Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuovi orizzonti ma nell'avere occhi nuovi.(Marcel Proust)


e' difficile, ma mi piace pensare di poter affrontare con nuovi occhi ogni giorno ...o almeno provarci!


argine innvevato , febbraio 2010

2 commenti:

Daniela B. ha detto...

Anche il tuo weekend é stato bello!!ti auguro buona domenica anche per oggi :-) qui nevica tantissimo!!!

sara t ha detto...

si moltissimo :D
anche qui taaanta neve e continua.
se stanotte gela siamo fritti!